Raccolta di detti e proverbi


C’era una volta Cecco Rivolta che faceva i maccheroni,se la faceva nei calzoni.
La bella lavanderia
che lava i fazzoletti per i poveretti della città.
Fai un salto ,fanne un altro, fai una giravolta
guarda in sù guarda in giù
dai un bacino a chi vuoi tu.
Sul monte ci sono tre conche
passa il lupo e non le rompe
passa la volpe ne rompe due
chi ti piace di questi due?
trenta dì conta novembre con april giugno e settembre
di ventotto c’è né uno
tutti gli altri ne han trentuno.
Giro giro tondo
il pane è cotto in forno
un mazzolin di viole
ne diamo a chi le vuole
ne vorrebbe la contadina
caschi in terra la più piccina.
Vedo la luna, vedo le stelle
vedo Caino che fa le frittelle
vedo la tavola apparecchiata
vedo Caino che fa la frittata.
Stretta la foglia,larga la via
voi dite la vostra
che io dico la mia.
Quando la Pania ha il cappello,
prendi l’ombrello.
Le nuvole a pecorelle
acqua a catinelle.
Lucciola lucciola vien da me
ti darò il pan del Re pan del Re e della Regina
lucciola lucciola, vieni vicina.
Al contadino non far sapere
quanto è buono il formaggio con le pere.
Al contadino
tanto è suonargli un corno che un violino.
Lucchio, Limano e Vico
son tre paesi che non valgono un fico.
Questa è la storia di Togno Romito.
Togno Romito segava le prada
sette salacche mangiava in un boccone
olio di sansa e pane ammuffito
questa è la storia di Togno Romito.
Il Diavolo insega a fare le pentole
ma non i coperchi.
Il mondo è fatto a scale
chi le scende e chi le sale.
Il garfagnino, scarpe grosse
cervello fino.
Chi  fa da se , fa per tre.
Per la Candelora
se piove o se gragnola
dall’inverno siamo fora,
se è sole o solicello
siamo sempre in mezzo all’inverno.
Disse la vacca al mulo
come ti puzza il culo
il mulo disse alla vacca
ho appena fatto la cacca.